Skip to content
25 febbraio 2010 / knittami

guerrilla knitting

The real thing, originally uploaded by Isimbardi. palo ricoperto da Magda Sayeg

Milano è grigia. Milano è triste.
O forse no.
Perché possiamo decidere di vestirla noi con colori e texture. Con lana e cotone e con tutto ciò che ci viene in mente.
Tutto ciò è guerrilla knitting (ma anche crochet e sewing).
Lasciamo un segno colorato del nostro passaggio, della nostra creatività, senza bombolette, ma solo con ferri e uncinetti. Vale ricoprire tutto, sull’onda di knitta please, movimento di artiste di strada nato nell’agosto del 2005.
Nel 2009 durante la mostra dritto & rovescio in Triennale, hanno ricoperto anche Milano presenziando a workshop e conferenze insieme a Milano Stitch & Bitch.

Quante volte ci è capitato di non finire lavori, di avere avanzi di lana (solitamente pochi e inutilizzabili)? Perché non abbellire la nostra città?

E ora è arrivato il nostro momento. Knittate e fotografate, colorate le città e poi inviate le foto qui. Ovviamente ogni parte di Italia sarà la benvenuta a partecipare!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: